Allora … cosa è successo esattamente alla mano di Luke Skywalker dopo averla persa su Bespin? Il guanto mozzato di Luke è caduto con la sua spada laser nelle profondità di Cloud City in The Empire Strikes Back, ei fan si sono chiesti dove fosse finito. Il Risveglio della Forza ci ha mostrato che qualcuno alla fine ha trovato la spada laser di Luke. Quindi è logico che qualcuno abbia scoperto anche la sua mano.

Lucasfilm

Ma alla fine, Lucasfilm ha risposto a questa domanda in un nuovo fumetto. E la risposta è forse un altro pezzo del puzzle che spiega il leader supremo Snoke nella trilogia del sequel. Arriva nel numero 11 di Darth Vader della Marvel Comics, che è uscito nei negozi di fumetti questa settimana. Abbiamo appreso della svolta in IGN prima di leggere noi stessi il fumetto.

L’attuale serie di Darth Vader, scritta da Greg Pak con disegni di Raffaele Ienco e Neeraj Menon, si svolge dopo gli eventi di The Empire Strikes Back. Questo capitolo finale della trama di “Into the Fire” vede l’Imperatore Palpatine che mette alla prova l’impegno del suo apprendista dopo i suoi due disastrosi fallimenti: la perdita della Morte Nera e la sua incapacità di convertire Luke al lato oscuro. Vader nel frattempo, cerca di prendere il posto dell’Imperatore, come ogni accolito Sith alla fine tenta di fare.

Marvel Comics

Ma a questo punto, Palpatine è semplicemente troppo potente e Vader deve sottomettersi. Tuttavia, scopre il segreto mondo Sith di Exegol di Darth Sidious, un piccolo pianeta che potresti ricordare da The Rise of Skywalker. E lì, tra le camere di clonazione di Palpatine che sembrano ospitare le prime versioni di Snoke, c’è quella che sembra essere la mano mozzata di Luke Skywalker contenuta nel liquido (bacta, forse?). Vader scopre anche la flotta di Star Destroyer in costruzione sotto Exegol, alias The Final Order. Sono creati utilizzando la tecnologia ottenuta da un cristallo kyber vivente, il minerale che alimenta le spade laser.

Marvel Comics

Le sue implicazioni sono enormi per la saga. L’Imperatore aveva un piano di emergenza se alla fine fosse stato distrutto, di cui abbiamo appreso nei romanzi di Aftermath. Sembra che Palpatine abbia pianificato i corpi dei cloni molto tempo fa. Mostra anche che con tutti i Jedi morti, Palpatine probabilmente doveva raschiare per qualsiasi DNA pesante midi-chlorian che riusciva a trovare. La seconda stagione di The Mandalorian implica che l’Impero aveva bisogno del piccolo Grogu anche per questo motivo. Quindi, salvando la mano di Luke.

Ciò suggerisce che Snoke, e probabilmente l’Imperatore risorto, potrebbe avere un po ‘di DNA Skywalker. Poiché Rey è la nipote di Palpatine (tecnicamente, la figlia del clone fallito di Palpatine), in un certo senso la rende una Skywalker in più che solo di nome. Tipo? E forse anche legato a Grogu? Tuttavia, questo risponde finalmente a un grande mistero di Star Wars. Forse un giorno scopriremo come Maz Kanata ha ottenuto la spada laser di Luke. Stiamo ancora aspettando di sentire parlare di quella storia “per un’altra volta”.