Spegnerlo. Spegni la NASA, insieme a tutti i futuri tentativi di esplorazione spaziale. È venuto fuori che tutta questa dannata cosa è stata una bugia per tutto questo tempo. No, non stiamo parlando degli sbarchi sulla luna. Quelle sono sicuramente accadute. E questo non ha nulla a che fare con quegli avvistamenti UFO che nessuno può spiegare. Questo scandalo è molto più grande di Neil Armstrong, alieni e segreti del governo. Si tratta di dolci e promesse non mantenute. Nessun astronauta ha mai mangiato il gelato degli astronauti mentre era nello spazio.

Il New York Times ha recentemente pubblicato una storia altrimenti fantastica (di cui abbiamo sentito parlare per la prima volta al Neatorama) sulla cucina spaziale. Copre le opzioni per la ristorazione e le tecniche di cottura utilizzate per nutrire gli astronauti. Sfortunatamente, il pezzo include anche un’informazione devastante che non avevamo sentito prima. Quello che abbiamo sempre pensato essere il gelato degli astronauti – quelle barrette napoletane liofilizzate e friabili (o qualsiasi altra versione che potresti aver provato nel corso degli anni) – dovrebbe davvero essere chiamato “cartone della terra aromatizzato per consumatori creduloni”. Quegli snack cosmici non sono mai stati effettivamente consumati da un astronauta mentre si trovava nello spazio.

Alimenti per astronauti

Sì, vai avanti, prenditi un secondo. Sappiamo che è molto da digerire. O dovremmo dire “non ingerire”. Soprattutto perché stai per essere ancora più arrabbiato. Dalla storia del Times:

“Il gelato liofilizzato è stato infatti sviluppato nel 1974 per la NASA, per il negozio di articoli da regalo dell’Ames Research Center dell’agenzia in California. L’azienda che lo produce, Outdoor Products of Boulder, Colorado, ora ne vende un paio di milioni all’anno. ”

Più di 46 anni e non sono riusciti a convincere un astronauta a mangiarne uno nello spazio! Voglio un rimborso delle tasse o una borsa regalo o un passaggio alla ISS. Questo è assurdo.

Se non hanno intenzione di chiudere la NASA, chiedo all’agenzia di costruire una macchina del tempo. Devono tornare indietro per chiedere scusa a me di dieci anni. E anche a me di 26 anni che ho comprato il panino con gelato al biscotto “astronauta” allo Smithsonian. Pensavo di mangiare lo stesso dolce degli astronauti. In realtà stavo solo mangiando una bugia.